La Bella Notizia di Gesù secondo Matteo (18,21-35)

| 0 commenti

In quel tempo, Pietro si avvicin a Ges e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovr perdonargli? Fino a sette volte?». E Ges gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette. Per questo, il regno dei cieli simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poich costui non era in grado di restituire, il padrone ordin che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e cos saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituir ogni cosa. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasci andare e gli condonil debito. Appena uscito, quel servo trov uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo
e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituir . Ma egli non volle, and e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito. Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perch tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver piet del tuo compagno, cos come io ho avuto piet di te?. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finch non avesse restituito tutto il dovuto. Cosanche il Padre mio celeste far con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello»


70 volte 7 | Cantalavita


La vita è continuamente un appello al perdono. Ma questa forza di perdonare la possiamo ritrovare solo se
facciamo memoria di tutte le volte che noi stessi, nel segreto, siamo stati perdonati dal Padre nostro. Ciascuno
sa nel suo cuore quale sia il grande debito che gli è stato condonato. (…) Il servo perdonato, ma incapace di
misericordia, non conosce la pazienza di cui egli stesso ha goduto. Non sa aspettare il cambiamento del suo
fratello, non sa dare tempo, non sa offrire una nuova possibilità. Il perdono è sempre un rischio: non sappiamo
mai se l’altro lo accoglierà, se ne farà buon uso, se saprà ricambiare, ma tutto questo non riguarda più colui che
offre il perdono. Il perdono è tale proprio quando è totalmente gratuito. (G. Piccolo)





ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E RIMANI AGGIORNATO SULLE NOVITÀ iscriviti

Unità Pastorale Zerotina
Parrocchia S. Maria Assunta
Via Trento e Trieste 6
31059 - Zero Branco
tel: 0422 97007
CF. P.IVA 01985050267
Parrocchia di Scandolara
Via Scandolara, 60
31059 Zero Branco
tel: 0422 97007
CF. P.IVA 94008710264
Parrocchia di S. Alberto
Piazza Papa Luciani 2
31059 Zero Branco
tel: 0422 97007
CF. P.IVA 01968270262


© 2014 - 2020 Collaborazione Pastorale Zerotina - all rights reserved - mappa del sito - privacy - redazione - admin