Iraq. Perché l’indipendenza del Kurdistan resta «impossibile»

| 0 commenti

Circa 100mila curdi sono fuggiti verso il Kurdistan iracheno in questa settimana dai territori contesi con il governo centrale di Baghdad per timore di ritorsioni dopo che le forze federali e le milizie sciite a loro alleate hanno ripreso il controllo di aree contese già occupate dai combattenti curdi peshmerga. Preoccupazioni fondate: a Tuz (vedi cartina qui di seguito) 150 case appartenenti a famiglie curde sono state incendiate.

Perché l’indipendenza del Kurdistan resterà un sogno

curdi iracheni che hanno chiesto l’indipendenza dopo il referendum plebiscitario del 25 settembre – nelle tre province autonome di Erbil (a Arbil), Dohuk e Sulaymaniyah e nelle zone contese a Baghdad (5,3 milioni di elettori registrati) i Sì sono stati il 92,7% con una affluenza pari al 72,6% – hanno così ridato vigore e attualità alle antiche pretese di questo popolo ad avere uno Stato autonomo.

La reazione di Baghdad, che si è rifiutata di riconoscere qualsiasi legittimità a una consultazione che nelle intenzioni del presidente del Kurdistan iracheno Masud Barzani, aveva un valore solo consultivo, è stata la riappropriazione militare, con il contributo delle milizie sciite del Risveglio popolare, di tutti i territori che i curdi avevano occupato a partire dal giugno del 2014 quando le milizie del Daesh avevano occupato Mosule buona parte della provincia di Ninive……





ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E RIMANI AGGIORNATO SULLE NOVITÀ iscriviti

Unità Pastorale Zerotina
Parrocchia S. Maria Assunta
Via Trento e Trieste 6
31059 - Zero Branco
tel: 0422 97007
CF. P.IVA 01985050267
Parrocchia di Scandolara
Via Scandolara, 60
31059 Zero Branco
tel: 0422 97007
CF. P.IVA 94008710264
Parrocchia di S. Alberto
Piazza Papa Luciani 2
31059 Zero Branco
tel: 0422 97007
CF. P.IVA 01968270262


© 2014 - 2018 Collaborazione Pastorale Zerotina - all rights reserved - mappa del sito - privacy - redazione - admin