Collaborazione Pastorale

La Collaborazione Pastorale Zerotina
Campi di radicchio, finalmente ricoperti dalla brina invernale. Che qua e là, sempre più spesso, cedono il posto ad interi quartieri pieni di villette a schiera e piccoli condomini. Sullo sfondo, svettano aguzzi i tre campanili di Zero Branco, Sant’Alberto e Scandolara. E’ questo il paesaggio che si presenta agli occhi di chi arriva a Zero Branco. Questo centro, tradizionalmente agricolo – si pensi al radicchio o al peperone – diventato negli ultimi anni anche residenziale, è stato la prima tappa della Visita pastorale del vescovo Gianfranco Agostino Gardin alla sua diocesi.
Dall’Ottobre 2015 le tre parrocchie di Zero Branco sono guidate da don Corrado Cazzin e don Davide Menegon, parroci in solido a Zero Branco, e rispettivamente don Corrado parroco a Sant’Alberto e don Davide parroco a Scandolara. La loro convivenza in canonica a Zero Branco e la recente istituzione ufficiale della “Collaborazione pastorale” (il 9 dicembre 2014), sono fattore decisivo nell’impegno di unire le forze e realizzare fattivamente la “Collaborazione pastorale Zerotina”.

bus

La sfida della Collaborazione
Don Corrado e don Davide nell’opera pastorale sono aiutati anzitutto da don Renato Comin (nato nel 1933), che ha dopo aver concluso il suo servizio di parroco a Pero di Breda e San Giacomo di Carbonera si è trasferito a Zero Branco e si dedica con instancabile impegno alla visita degli ammalati, degli anziani e al ministero della Riconciliazione; vi sono anche una cooperatrice pastorale (Paola Favretto) ed una aspirante cooperatrice (Maria Sfriso), che vivono a Sant’Alberto. C’è poi la preziosa comunità delle suore Carmelitane di Firenze, che abitano a Zero Branco, sopra gli ambienti della scuola materna. E in questa opera pastorale vi sono coinvolti anche numerosi laici impegnati nel Consiglio di collaborazione, nei Consigli pastorali, nelle associazioni e nei vari settori della pastorale. “Sono convinto che attraverso questa nuova realtà delle Collaborazioni – spiegava il precedente parroco – Dio ci voglia parlare. Dio non è assente da questo tempo, che ci presenta difficoltà ma anche nuove opportunità”.

Tante nuove famiglie
Una delle prime sfide è quella dell’integrazione: tra le diverse parrocchie; tra i nuovi residenti, quasi tremila in dieci anni, e i “vecchi” zerotini; quella tra i tanti gruppi. L’urbanizzazione a Zero Branco è stata veloce. Si vedono tanti nuovi volti, tante famiglie giovani. Ma molti, provenienti dall’hinterland trevigiano o veneziano, in pratica vivono qui solo alla sera, dopo una giornata passata al lavoro. Integrare «vecchi» e «nuovi», creare uno spirito di comunità non è sempre facile. D’altronde, in comunità dove l’età media è di trentanove anni, si impongono nuove esigenze e nuove modalità, ad esempio nella preparazione ai sacramenti e nell’attenzione alle famiglie.

bus3

I battesimi sono ogni anno circa 80 solo a Zero Branco, circa 110 in tutto il comune. Da anni è attivo un cammino di preparazione per i genitori che battezzano il primo figlio. Uno dei corsi vicariali di preparazione al matrimonio si tiene a Zero Branco. In comune esistono due scuole dell’infanzia parrocchiali: a Zero Branco i bambini sono 100 circa, a Sant’Alberto una novantina; in tutto una ventina i bimbi del nido. A Scandolara c’è invece una materna pubblica. Solo a Zero Branco ogni classe di catechismo è divisa in 4-5 gruppi. Grossi numeri, insomma. Con il rischio che la parrocchia venga vista come un grande erogatore di servizi, a scapito dell’accoglienza e dell’essenziale annuncio del vangelo.

Il tessuto delle comunità è vivace. A Zero Branco è forte la tradizione scoutistica. La collaborazione tra parrocchie sta man mano caratterizzando la realtà dell’Azione cattolica – molto radicata a Sant’Alberto e Scandolara e in via di rilancio a Zero Branco -, con gruppi interparrocchiali di adulti e giovani.

I nuovi poveri
Nelle tre comunità non mancano segni confortanti di testimonianza della carità, slancio
missionario e apertura al mondo. Numerosi i missionari partiti da Zero Branco. L’attenzione alla mondialità è confermata da belle realtà di volontariato, ma anche la presenza della Bottega del mondo, con i prodotti equi e solidali, in un locale della parrocchia. Anzi, proprio a Zero Branco, circa vent’anni fa, nacque il primo negozio equo e solidale trevigiano. Ma nel campo della solidarietà stanno crescendo le esigenze anche nel territorio.

bus2

Il centro d’ascolto Caritas di Zero Branco, per quanto riguarda le borse della spesa, sta diventando un punto di riferimento per aiutare chi non ce la fa e ascoltare e orientare i nuovi poveri. Assiduo, grazie anche alla presenza dei ministri straordinari dell’Eucaristia, il rapporto con la casa di riposo, una delle più grandi della zona.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E RIMANI AGGIORNATO SULLE NOVITÀ iscriviti

Unità Pastorale Zerotina
Parrocchia S. Maria Assunta
Via Trento e Trieste 6
31059 - Zero Branco
tel: 0422 97007
CF. P.IVA 01985050267
Parrocchia di Scandolara
Via Scandolara, 60
31059 Zero Branco
tel: 0422 97007
CF. P.IVA 94008710264
Parrocchia di S. Alberto
Piazza Papa Luciani 2
31059 Zero Branco
tel: 0422 97007
CF. P.IVA 01968270262


© 2014 - 2018 Collaborazione Pastorale Zerotina - all rights reserved - mappa del sito - privacy - redazione - admin